BROCHURE
 
CONTATTO

Thorsten Möllmann
Senior Vice President Global Communications & Branding

Schaeffler AG
Herzogenaurach
Germany

Tel.  +49  9132 82-5000
presse@schaeffler.com

 

Dr. Axel Lüdeke
Head of Business and Financial Communications & PR

Schaeffler AG
Herzogenaurach
Germany

Tel.  +49  9132 82-5000
presse@schaeffler.com

 

Renata Casaro
Head of Investor Relations

Schaeffler AG
Herzogenaurach
Germany

Tel.  +49  9132 82-4440
ir@schaeffler.com

 

Niels Fehre
Investor Relations

Schaeffler AG
Herzogenaurach
Germany

Tel.  +49  9132 82-4440
ir@schaeffler.com

ULTERIORI INFORMAZIONI

2018-08-07 | Herzogenaurach

Schaeffler procede secondo i piani


  • Nei primi sei mesi il fatturato depurato dell’effetto del cambio cresce del 5,8%
  • Margine EBIT di metà anno prima degli effetti speciali all’11,1% fisso (anno precedente: 11,1%)
  • Entrata ordini della Divisione Automotive OEM significativamente più elevata, rapporto book-to-bill 1,8x (anno precedente 1,1x)
  • La buona performance delle Divisioni Automotive Aftermarket e Industrial traina fatturato e utili
  • Free cash flow prima delle attività M&A di meno 74 milioni di euro leggermente migliorato rispetto all’anno precedente
  • Prospettiva dell’anno confermata per il Gruppo Schaeffler e per entrambe le Divisioni Automotive, aumentata la previsione del fatturato per la Divisione Industrial

Schaeffler, fornitore globale nel settore Automotive e Industrial, ha presentato oggi il suo report intermedio per la prima metà dell’anno 2018. Dopo i primi sei mesi, il fatturato del Gruppo Schaeffler ammonta a circa 7,2 miliardi di euro (anno precedente: circa 7 miliardi di euro). Il fatturato depurato dell’effetto del cambio ha avuto un incremento del 5,8% in questo periodo, del 7,9% nel secondo trimestre. Ancora una volta, tutte le tre Divisioni e le quattro Regioni hanno contribuito alla crescita del fatturato del Gruppo a valuta costante. La crescita più alta, pari al 18,7% a valuta costante, è stata raggiunta dalla Regione della Greater China. Il Gruppo Schaeffler ha generato un EBIT di 773 milioni di euro durante i primi sei mesi; nel secondo trimestre, l’EBIT è stato influenzato da un effetto speciale per l’ammontare di 22 milioni di euro in relazione alle spese di ristrutturazione per l’integrazione del fornitore interno “Bearings & Components Technologies” (BTC) annunciato il 07 maggio 2018. Di conseguenza, l’EBIT prima degli effetti speciali è stato di 795 milioni di euro (anno precedente: 780 milioni di euro).

Questo equivale ad un margine EBIT prima degli effetti speciali dell’11,1% (anno precedente: 11,1%).

Il Sig. Klaus Rosenfeld, CEO di Schaeffler AG, ha commentato i risultati della prima metà dell’anno come segue: “In un contesto costantemente impegnativo, siamo sulla strada giusta per raggiungere i nostri obiettivi per il 2018. Le nostre entrate sono state generate principalmente dalla solida performance delle Divisioni Automotive Aftermarket e Industrial. Inoltre, il trend dei primi sei mesi dimostra che, come fornitori nei settori Automotive e Industrial, siamo posizionati correttamente in modo strategico”.

L’Automotive OEM aumenta il fatturato – Entrata ordini significativamente più elevata
Nei primi sei mesi, la Divisione Automotive OEM ha generato un fatturato di circa 4,6 miliardi di euro. Il fatturato depurato dell’effetto del cambio è aumentato del 4,8% rispetto all’anno precedente, un tasso di crescita maggiore del 3,1% rispetto alla crescita media del volume di produzione mondiale di automobili e veicoli commerciali leggeri nel medesimo periodo. Nella prima metà dell’anno, l’entrata ordini assoluta ha raggiunto gli 8,3 miliardi di euro (anno precedente: 4,7 miliardi di euro). Il book-to-bill ratio, ossia il rapporto tra entrata ordini e fatturato annuo, è aumentato a 1,8x (anno precedente: 1,1x) nel medesimo periodo. Tutte le quattro aree aziendali della Divisione Automotive OEM hanno contribuito alla crescita del fatturato, in modo particolare la Divisione E-Mobility che ha riportato il maggior tasso di crescita del fatturato depurato dell’effetto del cambio del 7,7% nella prima metà del 2018. Ancora una volta, è stata particolarmente significativa la crescita del 13,4% del fatturato depurato dell’effetto del cambio della Divisione Automotive OEM della Regione Greater China, seguita dal 4,0% della Regione Asia/Pacific, dal 3,7% dell’America e dal 2,4% dell’Europa. Nei primi sei mesi, la Divisione ha generato un EBIT prima degli effetti speciali di 424 milioni di euro (anno precedente: 483 milioni di euro) portando il margine EBIT prima degli effetti speciali del medesimo periodo al 9,2%, inferiore al margine del 10,7% dell’anno precedente. Il calo è stato attribuito principalmente a costi di avviamento, ritardi di progetto in Cina, aumento del prezzo delle materie prime ed effetti una tantum. Questi effetti sono stati compensati solo parzialmente da maggiori volumi e incrementi di efficienza. Sulla base dell’incoraggiante volume di ordini per la seconda metà dell’anno, la Divisione si aspetta di generare una crescita del fatturato tra il 6 e il 7% a valuta costante ed un margine EBIT prima degli effetti speciali tra 9,5 e 10,5% per l’intero anno 2018.

L’Automotive Aftermarket torna a crescere – forte aumento del fatturato del 12,3% nel secondo trimestre
Dopo un temporaneo calo del fatturato nel primo trimestre, la Divisione Automotive Aftermarket ha significativamente incrementato il proprio fatturato del 12,3% a valuta costante nel secondo trimestre, generando un fatturato di 925 milioni di euro (anno precedente: 928 milioni di euro) nella prima metà del 2018. A valuta costante, il fatturato è cresciuto del 3,6% nei primi sei mesi dell’anno. La crescita maggiore depurata degli effetti del cambio nella medesima Divisione è stata registrata anche dalle Regioni Greater China (39,8%) e Asia/Pacific (15,9%), seguite poi dall’Europa (5,4%). Il fatturato della Regione America è diminuito su base depurata (meno 8,9%) per esigenze aggiuntive una tantum di un Cliente dell’Original Equipment Services (OES) nel periodo dell’anno precedente. In linea generale, la crescita della Divisione è stata guidata principalmente dalla domanda del mercato libero (indipendente), l’Indipendent Aftermarket (IAM). L’EBIT prima degli effetti speciali della Divisione Automotive Aftermarket nei primi sei mesi dell’anno ammontava a 176 milioni di euro (anno precedente: 161 milioni di euro), compreso un effetto una tantum favorevole nel secondo trimestre relativo a previsioni che sono state rovesciate. Sulla base di questo, il margine EBIT prima degli effetti speciali è stato del 19% (anno precedente: 17,3%). Il Gruppo si aspetta che la Divisione Automotive Aftermarket registri una crescita del fatturato del 3-4% a valuta costante e un margine EBIT prima degli effetti speciali tra il 16,5 ed il 17,5% nel 2018.

La crescita a due cifre dell’Industrial – aumentate le previsioni del fatturato annuo
Nei primi sei mesi dell’anno la Divisione Industrial ha aumentato il proprio fatturato raggiungendo circa 1,7 miliardi di euro (anno precedente: circa 1,6 miliardi di euro). A valuta costante, è stata registrata una crescita del fatturato del 10% che è stata trainata principalmente dall’Industrial Distribution. I cluster dei settori railway, materie prime, offroad e power transmission hanno contribuito in modo particolarmente considerevole all’aumento del fatturato. L’incremento più elevato è stato ottenuto dalla Regione Greater China (36,7%), seguita da America (6,9%), Asia/Pacific (6,7%) ed Europa (5,9%). La Divisione Industrial ha generato un EBIT prima degli effetti speciali di 195 milioni di euro (anno precedente: 136 milioni di euro) nei primi sei mesi dell’anno, che corrisponde ad un margine EBIT prima degli effetti speciali dell’11,6% (anno precedente: 8,6%). Il miglioramento del margine è da attribuire all’impatto favorevole di economie di scala e prezzi, ma anche ad incrementi di efficienza e risparmio costi ottenuti grazie al programma “CORE”. Sulla base della situazione attuale, il Gruppo Schaeffler sta incrementando la sua previsione 2018 di crescita del fatturato a valuta costante della Divisione Industrial dal precedente 3-4% al 6-7%. L’obiettivo del margine EBIT prima degli effetti speciali del 9-10% rimane invariato.

Leggero miglioramento del free cash flow – confermata la prospettiva del Gruppo Schaeffler
L’utile netto attribuibile agli azionisti per la prima metà del 2018 è leggermente aumentato rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente, ammonta a 509 milioni di euro (anno precedente: 485 milioni di euro). Gli utili per azioni senza diritto di voto sono stati di 0,77 euro (anno precedente: 0,73 euro). Il free cash flow prima di flussi di cassa in entrata e in uscita per attività M&A di meno 74 milioni di euro, per i primi sei mesi dell’anno è stato leggermente migliore rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente (meno 86 milioni di euro). Nella prima metà del 2018, gli investimenti in proprietà, stabilimenti, attrezzature e assetti intangibili sono stati di 595 milioni di euro, praticamente in linea con l’anno precedente (594 milioni di euro), che corrisponde ad una quota di investimento dell’8,3% del fatturato (anno precedente: 8,4%).

“Come nell’anno precedente, il free cash flow del Gruppo Schaeffler è generato primariamente nella seconda metà dell’anno. Sulla base delle valutazioni attuali, siamo fiduciosi sul fatto che rispetteremo il nostro obiettivo 2018 di circa 450 milioni di euro prima dei flussi di cassa in entrata e in uscita per le attività M&A” – ha dichiarato il Sig. Dietmar Heinrich, CFO di Schaeffler AG.

L’indebitamento finanziario netto al 30 giugno 2018 è aumentato a 463 milioni di euro, incrementando il rapporto di indebitamento, ossia il rapporto tra i debiti finanziari netti e il patrimonio netto dell’azienda, al 107% circa (93% al 31 dicembre 2017). Al 30 giugno 2018, il Gruppo Schaeffler ha registrato un totale di bilancio di circa 12 miliardi di euro (anno precedente: circa 11,1 miliardi di euro) ed una forza lavoro di 92.198 Collaboratori (anno precedente: 87.937), una crescita del 4,8% circa.

Per il 2018, il Gruppo conta di registrare un aumento del fatturato tra il 5 e il 6% depurato degli effetti del cambio, un margine EBIT prima degli effetti speciali tra il 10,5 e l’11,5%, un free cash flow prima dei flussi di cassa in entrata e in uscita per le attività M&A di circa 450 milioni di euro. “Siamo consapevoli che il contesto economico rimarrà impegnativo e carico di incertezze anche nei prossimi sei mesi. Ciò nonostante, confermiamo le prospettive del Gruppo Schaeffler per il 2018 con un leggero aumento della previsione del fatturato per la Divisione Industrial” – ha dichiarato il Sig. Klaus Rosenfeld.


Dichiarazioni che guardano al futuro e previsioni
Alcune dichiarazioni contenute in questo comunicato stampa riguardano il futuro. Per loro natura, simili affermazioni implicano un numero di rischi, incertezze e supposizioni che potrebbero determinare che i reali risultati o gli eventi differiscano materialmente da quelli espressi o implicati dalle suddette dichiarazioni che guardano al futuro. Questi rischi, incertezze e supposizioni potrebbero ripercuotersi negativamente sugli esiti e sulle conseguenze finanziarie dei piani e degli eventi qui descritti. Non vi è alcun obbligo di aggiornare pubblicamente o rivedere le dichiarazioni che guardano al futuro, che sia a seguito di nuove informazioni, eventi futuri o altri motivi. I destinatari di questo comunicato stampa non dovrebbero fare eccessivo affidamento sulle dichiarazioni che guardano al futuro, le quali riflettono esclusivamente la situazione alla data di questo comunicato stampa. Le dichiarazioni contenute in questo comunicato in merito a trend o sviluppi del passato non dovrebbero essere intese come attestazioni che i medesimi trend e sviluppi proseguano anche nel futuro. Le avvertenze sopra descritte sono da considerare in relazione a successive dichiarazioni riferite al futuro in forma verbale o scritta da parte di Schaeffler o di persone che agiscono in suo nome.

Schaeffler utilizza i cookie per garantirvi una navigazione ottimale. Continuando a navigare su questo sito Web accettate automaticamente l’utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni

Accettare