BROCHURE
 
 
L’offerta completa: DuraSense di Schaeffler, il sistema di rilubrificazione automatica in base a carico e necessità, è ora disponibile sia per le unità a ricircolazione di sfere sia per le unità a ricircolazione di rulli (sopra: unità di ricircolazione a sei ranghi di sfere KUSE; sotto: unità di ricircolazione a quattro ranghi di sfere KUVE)

L’offerta completa: DuraSense di Schaeffler, il sistema di rilubrificazione automatica in base a carico e necessità, è ora disponibile sia per le unità a ricircolazione di sfere sia per le unità a ricircolazione di rulli (sopra: unità di ricircolazione a sei ranghi di sfere KUSE; sotto: unità di ricircolazione a quattro ranghi di sfere KUVE)

 
CONTATTO

Daniela Zucchetti
Communications and Marketing Manager

Schaeffler Italia
Momo

Tel.  +39  321 929-402
Daniela Zucchetti

ULTERIORI INFORMAZIONI

Seguiteci su Twitter @schaefflergroup e non perdetevi i nostri ultimi aggiornamenti.

2018-04-23 | Momo

Schaeffler alla Hannover Messe 2018

Il DuraSense di Schaeffler è ora disponibile per unità a ricircolazione di sfere


Schaeffler integra sensori e analisi delle vibrazioni nelle guide lineari ed offre questi componenti meccatronici con una rilubrificazione automatizzata. La funzione è stata integrata nelle unità a ricircolazione di rulli nel 2017 ed è ora disponibile per unità a ricircolazione di sfere. Il vantaggio va ben oltre la funzione base di rilubrificazione.

Avere la possibilità di automatizzare completamente la lubrificazione ed il monitoraggio dello stato di lubrificazione delle guide lineari costituisce un passo in avanti importante per gli utilizzatori e per i produttori di macchinari di produzione, poiché per gli utilizzatori viene meno la necessità di effettuare lavori di lubrificazione manuale mentre i produttori di macchinari non sono più dipendenti dal sistema centralizzato di lubrificazione con le sue opzioni di controllo che a volte sono molto limitate.

Al contrario, con Schaeffler DuraSense la rilubrificazione avviene per ogni singolo asse lineare in base al giusto carico ed alle esigenze. Il sistema di valutazione elettronico permette di monitorare fino a sei carrelli per ogni asse. La posizione del sensore sul carrello può essere selezionata liberamente sia sulle unità a ricircolazione a sei e quattro ranghi di sfere KUVE e KUSE, sia sulle unità a ricircolazione di rulli RUE: può essere posizionato sulla parte destra o sulla parte sinistra del carrello e del corpo di testa.

Il DuraSense previene in modo efficiente sia la carenza sia l’eccessiva lubrificazione prolungando la durata dei macchinari e riducendo il tasso di guasti. Qualora la rilubrificazione non andasse a buon fine, ad esempio a causa di unità di lubrificazione difettose, tubi con perdite o ingrassatori bloccati, DuraSense lo rileva in modo efficiente. Non è necessario un complesso monitoraggio usando sensori di pressione come quelli utilizzati nei sistemi di lubrificazione centralizzati. Il nuovo sistema protegge perfino i sistemi con pesanti interconnessioni dagli onerosi tempi di inattività.

DuraSense è di importanza fondamentale per ogni settore in cui la massima disponibilità di macchinari è un fattore chiave. Questo riguarda in particolare le linee di produzione dei produttori di automobili, così come molti “assi di movimento” nell’intralogistica, nell’industria alimentare e di imballaggio, nell’assemblaggio automatico e nell’handling.

Lubrificazione in ogni condizione in base a carico e necessità

Se una guida lineare ha brevi percorsi di avanzamento e subisce forze limitate, DuraSense emetterà impulsi di lubrificazione più rari, in caso di maggiore sfruttamento diventeranno conseguentemente più frequenti. Se corpi estranei si inseriscono nel carrello a seguito di una contaminazione o se il carrello viene contaminato per mezzo di un fluido, questo viene rilevato attraverso emissioni sonore “solid-borne” e viene emesso un impulso di lubrificazione.

Gli impulsi di lubrificazione vengono ripetuti finché le emissioni sonore “solid-borne” sono al di sopra di un valore di soglia calcolato individualmente. Ciò determina che la contaminazione viene immediatamente espulsa dal carrello insieme al lubrificante.

Se i valori chiave ritornano nuovamente ad un livello normale dopo gli impulsi di lubrificazione, le vie di scorrimento e gli elementi rotanti non sono stati danneggiati dalla contaminazione. Senza questa innovazione, la guida lineare rimarrebbe operativa con questa contaminazione nel contatto rotante fino al successivo intervallo di lubrificazione programmato e riporterebbe, di conseguenza, un danno iniziale corrispondente o persino un danno maggiore.

Riduzione dei futuri cicli di lubrificazione come indicatore per calcolare la durata di vita residua

Dopo che le unità a ricircolazione di sfere e di rulli sono stati operativi per un periodo di tempo molto lungo, l’affaticamento del materiale si manifesta vicino alla superficie. Il sensore di misura rileva questa condizione ed incrementa gli impulsi di rilubrificazione. L’asse lineare può scorrere perciò regolarmente per un tempo più lungo e la qualità del prodotto rimane costante per un periodo di tempo maggiore. Anche se la guida lineare rimane completamente funzionale in questa condizione, il fatto che gli impulsi di lubrificazione avvengano ad intervalli più ridotti serve come indicatore e punto di inizio per la prognosi della durata di vita residua del sistema di guida profilato. Questo calcolo sarà disponibile in futuro come servizio digitale “LifetimeAnalyzer” e permetterà di programmare i lavori di manutenzione basandosi su dati operativi attuali e sulle condizioni del sistema.

Schaeffler utilizza i cookie per garantirvi una navigazione ottimale. Continuando a navigare su questo sito Web accettate automaticamente l’utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni

Accettare