Termine di ricerca

Comunicati Stampa

Schaeffler vuole riorganizzare la struttura aziendale nel Regno Unito

Pressrelease Stage Image

06/11/2018 | Herzogenaurach/Sheffield

  • L’azienda mantiene lo stabilimento nel Regno Unito ma con un piccolo taglio alla produzione
  • I progetti di ristrutturazione si basano su necessità economiche e strategiche
  • L’incertezza in relazione alla Brexit ha accelerato analisi e progetti

Schaeffler, fornitore globale nei settori Automotive e Industrial con più di 92.000 Collaboratrici e Collaboratori nel mondo, pianifica di riorganizzare la propria struttura aziendale nel Regno Unito nell’ambito del proprio programma di eccellenza “Agenda 4 plus One”. Il programma include l’iniziativa “Global Footprint” con la quale vengono analizzate le capacità future, la redditività e la sostenibilità a lungo termine di tutti gli stabilimenti Schaeffler a livello mondiale. Nell’ambito di questa iniziativa, il Consiglio di Amministrazione ha deciso di riorganizzare le proprie attività nel Regno Unito.

In base alla ristrutturazione proposta, l’azienda manterrà la sua presenza nel Regno Unito ma in forma ridotta. Una parte della produzione verrà spostata in altri stabilimenti produttivi già esistenti in altri Paesi. L’implementazione del progetto di riorganizzazione durerà fino a due anni.

L’analisi “Global Footprint” si è focalizzata su come poter strutturare al meglio l’azienda nel Regno Unito, basandosi su diversi fattori come le condizioni economiche, la domanda e l’offerta, le decisioni degli OEMs. Nell’analisi è stato considerato anche il fatto che solo il 15% dei beni prodotti nel Regno Unito da Schaeffler rimane nel Paese, mentre la maggior parte viene esportata nell’Europa continentale. L’incertezza relativa alla Brexit è stata uno dei tanti fattori che ha influenzato l’analisi del mercato nel Regno Unito.

Jürgen Ziegler, CEO della Regione Europa, ha dichiarato: “Un’azienda globale deve analizzare regolarmente le condizioni del mercato ed ottimizzare la propria presenza nelle diverse Regioni. I provvedimenti proposti per il Regno Unito rispecchiano questa realtà aziendale. Ciò nonostante, ci impegniamo a mantenere alcune attività nel Regno Unito, un Paese che continuerà ad essere importante per noi in futuro.”

Al momento Schaeffler è presente nel Regno Unito con tre stabilimenti, a Plymouth (Barden Corporation Ltd.) Llanelli e Sheffield, e due centri logistici a Hereford e Sutton Coldfield. La forza lavoro impiegata negli stabilimenti inglesi ammonta a poco più di 1.000 Collaboratrici e Collaboratori. Sheffield, lo stabilimento inglese più grande in termini di fatturato e Collaboratori, verrà mantenuto nella sua forma attuale. Lo stabilimento assembla frizioni per autovetture e trattori. I due centri logistici a Sutton Coldfield (prodotti Industrial) e Hereford (Automotive Aftermarket), che si trovano a circa 120 chilometri di distanza l’uno dall’altro, verranno uniti in un unico centro a Hereford, permettendo così di ottenere sinergie ed incrementi di efficienza. La maggior parte degli impiegati dello stabilimento di Sutton Coldfield verrà trasferita in uffici in affitto nelle vicinanze di Sutton Coldfield.

Nel medio termine, è prevista la chiusura degli stabilimenti di Llanelli e Plymouth. La loro produzione verrà spostata in altri stabilimenti in Germania, Cina, Corea del Sud e USA. Al momento, a Plymouth vengono prodotti cuscinetti per mandrino e componenti per macchine industriali per la Divisione Industrial di Schaeffler, oltre a cuscinetti speciali per il settore aerospaziale e militare. A Llanelli vengono prodotti punterie meccaniche e cuscinetti speciali per la Divisione Automotive OEM e per Clienti Industrial selezionati.

Al momento Schaeffler sta iniziando le consultazioni obbligatorie per legge con i rappresentanti dei lavoratori degli stabilimenti interessati.

Greig Littlefair, Managing Director in Schaeffler UK, ha dichiarato: “Ci impegneremo per condurre un dialogo trasparente e leale con le Collaboratrici e i Collaboratori coinvolti. Inoltre, ci assicureremo che i nostri Clienti continuino ad essere serviti e che risentano il meno possibile di questo cambiamento.”

Jürgen Ziegler ha aggiunto: “La riorganizzazione della nostra presenza nel Regno Unito serve per collocarci in modo più efficiente laddove i nostri prodotti vengono richiesti. Questo contribuisce alla realizzazione del nostro programma “Agenda 4 plus One”. La Brexit non è l’unico fattore determinante dietro alla nostra decisione relativa al mercato inglese. Tuttavia, la decisione è stata accelerata dalla necessità di essere preparati a diversi scenari complessi.”


Editore: Schaeffler Italia S.r.l.
Paese di emissione: Italia

Download

Comunicati stampa

Pacchetto (comunicato stampa + media)

Condividi sito

Schaeffler utilizza i cookie per garantirvi una navigazione ottimale. Continuando a navigare su questo sito Web accettate automaticamente l’utilizzo dei cookie. Ulteriori Informazioni

Accetta